Cura è Vita nelle scuole

Professionisti Sanitari a Domicilio

"Cura è Vita nelle scuole"
è un progetto di Perini Anna,
infermiera laureata che opera in libera professione

il suo progetto “Cura è Vita” nasce nel 2016 e garantisce l’assistenza infermieristica all’interno delle strutture alberghiere

con particolare attenzione ai disabili

Cura è Vita è sul territorio da quattro anni e è difatti sempre più attento alle esigenze delle persone. Per questo ha deciso di portare la propria esperienza anche all’interno delle scuole

con indirizzo turistico e/o sociosanitario

Molto di più, con la collaborazione di 

SUP YOUR DREAMS 

vogliamo sensibilizzare gli studenti delle 3, 4 e 5 superiore che un domani saranno operatori nel settore turistico alberghiero e socio sanitario.

Perini Anna e il comico Marco della Noce, testimonial del progetto il 6 dicembre 2020 presso il Teatro Alberti di Desenzano del Garda.

Difatti ancora oggi la disabilità è vista dai ragazzi come una diversità che fa ridere.

“Cura è Vita nelle scuole”, con il sostegno dei docenti, prevede una serie di incontri con gli studenti

In uno di questi incontri i ragazzi verranno messi in una condizione di pseudo-disabilità temporanea per suscitare in loro maggiore empatia

infatti una volta indossati i panni di un ipotetico cliente disabile si renderanno conto di come viene vissuta per queste persone la quotidianità

e come una piccola difficoltà per noi normodotati possa essere un enorme disagio per i disabili.

Non solo, al termine del progetto i ragazzi produrranno un protocollo che servirà come linea guida nella gestione di:

  • prenotazione e/o gestione del cliente disabile per il settore turistico
  • gestione assistenziale di un paziente disabile nel settore socio-sanitario

Sup your dreams

Sup Your Dreams A.P.S.

è da tempo sul territorio gardesano nella figura del presidente David De Regibus per promuovere la mobilità sostenibile sportiva a partire dalla pratica del SUP.

Abbiamo reso un natante a prima vista lento e precario un vero mezzo di trasporto. 

Un approccio multimodale può rendere la mobilità a propulsione umana davvero sostenibile

MOLTO DI PIU’

vi mostreremo come senza mezzi a motore privati possiate affiancare al trasporto remiero quello a pedali o a piedi, coadiuvato da accessori velici e mezzi pubblici.

Renderete i vostri spostamenti a pagaia un gioco 100% green, divertente e per di più creativo!

E non solo: la nostra mission è anche quella di rendere queste buone pratiche accessibili alle persone disabili e a mobilità ridotta.

Insieme vogliamo riscoprire il grande valore delle proprie forze per muoversi in autonomia e nel rispetto dell’ambiente.

Vuoi che Cura è Vita parli nella tua scuola?
Che si confronti con i tuoi ragazzi e i professori?